DGITALMECSHOW

91

Espositori

225.507

Database mail

1.434.674

Visite TOTALI

39.018

Visite lo scorso mese

Richieste di preventivo inviate direttamente alle aziende

889

Interazioni di possibili clienti, visite ai siti, mail, telefonate...

27.121

Fiera Digitale Permanente Internazionale della Metalmeccanica

Digita qui quello che stai cercando

Reverse Engineering: un’innovazione nel settore metalmeccanico

Reverse Engineering settore metalmeccanico

Il Reverse Engineering è una tecnologia che si adotta per analizzare un componente – meccanico o no – dal punto di vista del suo funzionamento e delle sue specifiche caratteristiche di messa a punto e progettazione.

Perciò quando le aziende o i privati hanno necessità di replicare un prodotto già esistente di cui, ad esempio, non possiedono il progetto, si affidano e sfruttano le potenzialità di questa tecnologia.

Grazie al Reverse Engineering è infatti possibile produrre un nuovo componente meccanico che mantenga le caratteristiche tecniche del componente originario e, se necessario, anche migliorarne le performance.

Ma come si svolge lo studio del componente?

Quando si esegue l’analisi di un componente tramite Reverse Engineering si parte dallo studio dei materiali e delle caratteristiche tecniche del prodotto finito, tramite l’uso di tecnologie 3D e software CAD, per comprendere come è stato progettato il componente da duplicare, e poter così riprodurre le sue caratteristiche nel nuovo pezzo da realizzare.

E perché il Reverse Engineering è importante per il settore metalmeccanico?

Nel settore metalmeccanico, il Reverse Engineering viene impiegato sia per replicare componenti di piccole dimensioni come ingranaggi o valvole, che nella riproduzione di componenti di grandi dimensioni come motori o impianti. Ecco alcuni dei vantaggi che questo processo apporta:

  1. Le aziende metalmeccaniche possono valutare e proporre nuove migliorie e soluzioni, per la progettazione e produzione di prodotti performanti e all’avanguardia, partendo semplicemente dallo studio di componenti già esistenti,
  2. L’uso del Reverse Engineering rende più veloce la fase di progettazione dei componenti meccanici. Infatti, attraverso l’analisi del prodotto finito si possono reperire tutte le informazioni di messa a punto e progettazione che il pezzo da riprodurre deve possedere. Questo, oltre a velocizzare il processo di creazione del componente meccanico, permette anche un maggiore controllo dei costi associati alla lavorazione del pezzo.
  3. Il Reverse Engineering è fondamentale anche nella produzione di pezzi meccanici fuori produzione – come i componenti di macchine e moto d’epoca – e quindi il suo impiego facilita anche i processi di manutenzione, sostituzione e riparazione di componenti difficili da reperire.

Il Reverse Engineering è quindi un ottimo alleato degli operatori che si occupano di progettare e riprodurre componenti meccanici in grandi quantità, di svariate forme e dimensioni, destinati a diversi campi di applicazione.

Questo perché tale tecnologia consente alle aziende metalmeccaniche di velocizzare i tempi di progettazione e produzione dei componenti, e quindi di garantire un servizio non solo adeguato ma, soprattutto, rapido e che permette loro di essere maggiormente competitive nei mercati di interesse.

Usa la ricerca avanzata per scoprire le altre lavorazioni, i servizi e le forniture offerte dai nostri espositori o per trovare le aziende che eseguono Reverse Engineering nella tua zona : Ricerca avanzata >

DG

Esegui lavorazioni di Reverse Engineering? Offri servizi metalmeccanici?

Scopri come partecipare alla Fiera Digitale! Compila il form per maggiori informazioni.

DG

RICERCA AVANZATA

Puoi trovare velocemente gli stand che ti interessano digitando una parola chiave o effettuando una ricerca per settore di produzione, per servizi e per tipologia di lavorazione.

LAVORAZIONE

REGIONE ESPOSITORE

SERVIZIO O FORNITURE

SETTORE